Le trofie: prepariamole a casa!

Le trofie: prepariamole a casa!

È uno dei piatti più famosi di tutta la Liguria, anche se la sua origine risale a un piccolo paesino sulla costa est di Genova, Sori: le trofie sono un must da provare per chiunque ami il pesto e la pasta fresca. E come ogni tipo di pasta fresca, si possono preparare anche a casa. Volete provare?

Una pasta antica

Le trofie sono una pasta che le donne liguri fanno in casa da sempre, complice il fatto che per prepararle servano soltanto tre ingredienti: acqua, semola e sale. Una volta, la loro forma particolare e allungata si otteneva con un ferro da maglia in legno, lungo cui si arrotolava un pezzettino di pasta che veniva poi schiacciato con il palmo della mano. Ora la produzione è per lo più industriale, con macchinari appositi. Riprovare a farle a casa regala, come sempre, un gusto del tutto particolare.

trofie-fatte-in-casa

Semola, non farina

La ricetta delle trofie hand made prevede l’uso della semola e non della farina. Ma che differenza c’è tra le due? E come si riconoscono? La farina è il risultato della macinazione del grano tenero, mentre la semola deriva dalla macinazione del grano duro. Il primo ha una forma più tondeggiante e una consistenza più friabile, il grano duro, invece, ha una forma più allungata e risulta, appunto, più duro. Anche le farine che derivano da questi due grani mostrano alcune differenze: la prima ha un colore più bianco e risulta più soffice al tatto, la seconda invece ha un colore più giallo ed è più granulosa.

La ricetta delle trofie fatte in casa

Per 6 persone: disponete su un tavolo a fontana 400 g di semola, unite un pizzico di sale e tanta acqua quanta serve per avere un impasto omogeneo ed elastico. Aggiungetela poco alla volta. Lavorate quindi l’impasto per dieci minuti e poi lasciatelo riposare fuori dal frigorifero per circa 30 minuti, coperto da un telo. Staccatene poi dei pezzi grandi come una biglia e con il palmo della mano fate rotolare i pezzi di pasta sulla spianatoia, ottenendo degli gnocchetti attorcigliati, con le estremità più sottili della parte centrale. Buttateli in una pentola con acqua bollente e sale e lasciateli cuocere per 4 minuti e poi scolateli, mantenendo un poco di acqua di cottura, che vi servirà per diluire il pesto.

Ecco le nostre ricette con le trofie